Spedizione gratuita in Italia Spedizione gratuita in Italia
Home / Notizie

Notizie

Coronavirus e difese immunitarie

Coronavirus e difese immunitarie | Bergking-online

Non sono tempi facili, ogni nostra decisione è subordinata alla presenza del coronavirus Covid 19. Per quanto riguarda la lotta al virus, vengono aggiornate quotidianamente linee guida e raccomandazioni, che virologi, medici e professionisti del settore medico valutano continuamente in attesa di un vaccino.

Ma cosa possiamo fare in attesa, come possiamo aiutare il nostro corpo a renderlo più resistente, proteggerlo dal virus? Tra le raccomandazioni generali ci sono anche quelle per rafforzare, per aumentare le difese immunitarie. Avere un sistema immunitario efficiente è essenziale per difendersi da malattie e infezioni.  Questo è sempre vero, ma ancor di più in un periodo di emergenza sanitaria come quello che stiamo vivendo.

Una soluzione di intervento è un bel succo di agrumi, aiuta concretamente il nostro corpo a stare bene. Tra gli agrumi, quello che ha le migliori caratteristiche per trarne il massimo beneficio sulla nostra salute è sicuramente il bergamotto.
Il periodo primaverile non ci aiuta molto nella fruibilità dei prodotti freschi, in questo caso è meglio procurarsi dei succhi.

Coronavirus e difese immunitarie con succo di bergamotto.

I succhi di frutta sono un'ottima alternativa se sono prodotti spremuti freschi al 100% e non realizzati con polveri concentrate. Il succo di frutta non deve contenere conservanti o coloranti. La scelta del bergamotto in succo è sicuramente la più adatta dal punto di vista virologico. Il bergamotto aiuta ad assumere vitamina C, è utile per combattere la stanchezza e lo stress, rafforza notevolmente il sistema immunitario.

Bergking è studiato per agire favorevolmente sulla struttura dei lipidi e dei carboidrati. Succo di agrumi dello Ionio calabrese non trattato. Bergking ha anche la particolarità della presenza di albedo nella sua composizione, insieme al succo e all'albedo, aiutano a diminuire i livelli sierici di trigliceridi, aiutano a ridurre i livelli di glucosio nel sangue e hanno un effetto importante sul colesterolo.

Il succo di bergamotto è un ottimo alleato per la nostra salute, per rafforzare il sistema immunitario e combattere numerosi disturbi. Protagonista, la vitamina C è abbondante nel bergamotto, ottimo per rafforzare il sistema immunitario. La vitamina A, anch'essa presente, migliora la resistenza alle infezioni, agendo anche sul sistema digerente. Il bergamotto contiene anche acido folico, che aiuta il rinnovamento cellulare; selenio, antiossidante naturale e stimolante del sistema immunitario; calcio, magnesio e fosforo, che mantengono sani ossa e denti.

In conclusione, nella scelta degli agrumi nella dieta, il bergamotto è vincente, soprattutto in questo periodo in cui il coronavirus incombe.

Articoli e recenti esperimenti riguardanti il Bergamotto - Fonte NCBI "National Center for Biotechnology Information".

Articoli e recenti esperimenti riguardanti il Bergamotto - Fonte NCBI "National Center for Biotechnology Information". | Bergking-online

L'NBCI fa avanzare la scienza e la salute fornendo accesso alle informazioni biomediche e genomiche. Abbiamo selezionato due articoli ed esperimenti che parlano dei benefici del Bergamotto. Cliccando sul link, potrete leggere l'articolo completo, sul loro sito ufficiale.

  • Effetti dell'integrazione di 12 settimane della formulazione CitriCholess a base di estratti di Citrus bergamia su colesterolo e peso corporeo negli anziani con dislipidemia: uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo.

    Leggi l'articolo completo: 
    https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5741859/

  • Il bergamotto riduce i lipidi plasmatici, LDL aterogenico piccolo denso e aterosclerosi subclinica in soggetti con ipercolesterolemia moderata: uno studio prospettico di 6 mesi.

    Leggi l'articolo completo: 
    https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4702027/

  • Applicazione clinica del bergamotto (Citrus bergamia) per ridurre il colesterolo alto e i marker di malattie cardiovascolari 

    Leggi l'articolo completo:
    https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6497409/
     

  • Efficacia del bergamotto: dai meccanismi anti-infiammatori e anti-ossidativi alle applicazioni cliniche come agente preventivo per morbilità cardiovascolare, malattie della pelle e alterazioni dell'umore

    Leggi l'articolo completo:
    https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6392855/

E con il Bergamotto riduci il colesterolo “cattivo” e la glicemia

E con il Bergamotto riduci il colesterolo “cattivo” e la glicemia | Bergking-online

Il bergamotto è un agrume i cui estratti vengono usati con successo per trattare l’ipercolesterolemia. In particolare, contribuiscono alla riduzione dei trigliceridi, dei livelli di zuccheri nel sangue e del colesterolo LDL, quello cattivo”, facendo aumentare (se questi sono bassi) i valori del colesterolo HDL, ovvero quello “buono”. E tutto ciò senza gli spiacevoli effetti collaterali delle statine di sintesi usate per i farmaci anti colesterolo.

Questo secondo una recente ricerca condotta dall’Università Magna Grecia di Catanzaro e pubblicata sulla rivista scientifica <International Journal of Cardiology>. Le proprietà benefiche del bergamotto sono dovuta ai polifenoli presente nell’agrume e potrebbero anche essere sfruttate per i pazienti con malattie cardiovascolari così da ridurre le dosi dei farmaci assunti per il cuore.

Le caratteristiche di questo agrume, ricco di principi attivi (contiene circa 350 componenti chimici e l’olio essenziale), si rivela utile in molte preparazioni farmaceutiche per il suo potere antisettico e antibatterico, come ad esempio in odontoiatria, oftalmologia, ginecologia, dermatologia, tanto da essere inserito nelle farmacopee di diversi paesi.

Uno studio condotto di recente dell’Università della Calabria ha individuato un componente, presente solo nel succo di bergamotto, in grado di inibire la produzione del colesterolo nel sangue, che causa la formazione sulle pareti delle arterie di placche e l’ostruzione dei vasi sanguigni (aterosclerosi).

L’arma più potente per prevenire l’accumulo di sostanze grasse sulle pareti interne delle arterie è senza dubbio un’alimentazione corretta e moderata, associata ad un regolare esercizio fisico. Tuttavia, chi soffre di colesterolo può, da oggi, avvalersi anche dell’aiuto del succo di bergamotto. Inoltre, l’essenza e il distillato di questo agrume ha anche un potere antidolorifico e cicatrizzante.

Ci sono agrumi come il bergamotto che possono essere utilizzati nel controllo del colesterolo. Come le statine, il bergamotto potrebbe essere utilizzato con efficacia per ridurre livelli di colesterolo ”cattivo” e aumentare quelli del colesterolo “buono”.

Non tutti ottengono benefici delle statine nel ridurre e controllare il colesterolo LDL, o cattivo. In più, un recente studio del George Center for Healthcare Innovation presso l’Università di Oxford (UK) ha messo in evidenza come, sempre le statine, non riducono il rischio di formazione di coaguli nel sangue – che sono in genere causa di trombi. Infine, le statine, quali farmaci possono cagionare effetti collaterali e indesiderati.

Per tutti coloro che non vogliono, non possono o non ottengono benefici dalle statine, ecco che un’alternativa potrebbe trovarsi nel frutto di Bergamotto. Lo ha suggerito uno studio condotto dai ricercatori italiani dell’Università Magna Grecia di Catanzaro, e i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista scientifica International Journal of Cardiology.

Il bergamotto sarebbe dunque capace di ridurre i livelli di colesterolo LDL, e fare aumentare al contempo quelli di colesterolo HDL. Dette proprietà, potrebbero anche essere sfruttate per i pazienti con malattie cardiovascolari che potrebbero così ridurre le dosi di farmaci per il cuore, ipotizzano i ricercatori.

Lo studio è stato condotto su 237 pazienti che sono stati invitati a consumare un frutto al giorno per 30 giorni. Al termine del test, i ricercatori hanno potuto constatare che i livelli di colesterolo LDL erano scesi del 38%.